UNITECH

UNITECH NEWS
You are here: Home » Servizi » Vibrazioni
Mercoledì, 25 Nov 2020

Vibrazioni

Il Decreto Legislativo del 9 aprile 2008, n. 81 afferma all’articolo 202, comma 1

1. Nell’ambito di quanto previsto dall’articolo 181, il datore di lavoro valuta e, quando necessario, misura, i livelli di vibrazioni meccaniche cui i lavoratori sono esposti.

E per una corretta spiegazione di cosa una vibrazione può provocare, ci si può affidare alle linee guida ISPESL:
La nocività delle vibrazioni dipende dalle caratteristiche e dalle condizioni in cui vengono trasmesse: estensione della zona di contatto con l’oggetto che vibra (mani, piedi, glutei,....),  frequenza della vibrazione, direzione di propagazione, tempo di esposizione. Gli effetti nocivi interessano nella maggior parte dei casi, sulla base di dati statistici, le ossa e le articolazioni della mano, del polso e del gomito; sono anche facilmente riscontrabili affaticamento psicofisico e problemi di circolazione.

Ma anche la minima vibrazione deve essere quindi considerata?

Non è detto, Unitech con strumentazione in linea con le norme tecniche UNI EN ISO 5349-1:2004 ed UNI EN ISO 5349-2:2004   valuta con il cliente cosa è davvero significativo e, avendo provata esperienza, è già a conoscenza di ciò che può essere tralasciato senza cadere  nell’errore che l’ente di controllo indica come “imprecisione, imprudenza e negligenza”.

Ma sono davvero così importanti le vibrazioni?

Fermo restando quando indicato più sopra nelle citazioni, la risposta è sì.
Le vibrazioni risultano essere un rischio importante, perché a parte le patologie dirette, non solo contribuiscono ad un aumento di rischio di patologie da rumore, ma sono anche fattore aggravante nello stress da lavoro correlato.

La Valutazione del rischio vibrazioni

La valutazione del livello di esposizione parte dall’acquisizione dei valori dei tempi di esposizione e di accelerazione: per i primi, l’osservazione delle specifiche pratiche di lavoro è fondamentale per la loro stima; per i secondi, si ricavano attraverso misure sul campo delle attrezzature, oppure mediante i valori di accelerazione forniti dai costruttori o da banche dati riconosciute.
Per vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio si intendono "le vibrazioni meccaniche che se trasmesse al sistema mano-braccio nell'uomo, comportano un rischio per la salute e la sicurezza dei lavoratori, in particolare disturbi vascolari, osteoarticolari, neurologici o muscolari" (art. 200 comma 1, lettera a, D.Lgs.81/2008). Per vibrazioni trasmesse al corpo intero si intendono "le vibrazioni meccaniche che, se trasmesse al corpo intero, comportano rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, in particolare lombalgie e traumi del rachide" (art. 200 comma 1, lettera b, D.Lgs.81/2008).
Tra le attrezzature possibili fonti di vibrazioni per il sistema mano-braccio vi sono attrezzature quali: martelli demolitori, smerigliatrici, scalpellatori, motoseghe, decesplugliatori, etc.
Tra le macchine che possono trasmettere vibrazioni al corpo intero vi sono, tra l'altro, gru, trattori, ruspe, carrelli elevatori ed altri mezzi di trasporto.
Questo comporta che un gran numero di attività lavorative sono esposte nel settore del verde, dell'edilizia, della produzione, dell’ agricoltura e del trasporto.

Il nostro servizio di valutazione rischio da vibrazioni offre:

  • Valutazione strumentale del rischio da vibrazioni
  • Acquisizione preliminare di tutta la documentazione necessaria, anagrafica e stato di conservazione delle attrezzature e delle modalità del lavoro;
  • Studio delle attività lavorative, acquisizione delle informazioni sui processi lavorativi, sulle modalità di esecuzione delle attività, sul livello di formazione ed informazione degli addetti;
  • Effettuazione dei rilievi strumentali;
  • Redazione documento sulla valutazione dei rischi vibrazioni meccaniche ai sensi del D.Lgs 81/08.
  • Identificazione delle misure di prevenzione e protezione per l’eliminazione o la riduzione del rischio con l’indicazione delle priorità di intervento e dei miglioramenti necessari;
  • Formazione del personale sul rischio derivante dall’esposizione a Vibrazioni meccaniche.